1. DAGLI ALBORI AL 1952

( prima pagina )

Il movimento calcistico a Crevalcore ha origini molto antiche.

Si inizia a parlare di calcio nella nostra cittadina nei primi anni '20 , in pieno regime Mussoliniano ,  quando  un ex terzino del Modena : Secchi Silvio ( militò nei canarini nel 1913/14 ) cominciò ad allenare un gruppo di giovani.

Il rettangolo di gioco era l'allora foro boario ( mercato del bestiame), compreso fra le attuali via Tioli , viale Italia , via della Rocca e la vecchia demolita " ghiacciaia" : terreno reso poi edificabile negli ultimi anni 50.

Allora la squadra era formata da nove(9) elementi e una delle prime ( forse prima in assoluto ) vestiva un casacca bianconera a strisce verticali . Di questa squadra facevano parte i seguenti giocatori : i portieri Pettazzoni e Biancani , i difensori Correggiari  e Vincenzi ( detto topa) , i centrocampisti Benedusi , Bergonzini e Lodi , gli attaccanti Bastia , Candini e Sitta ( sitena) , Mattioli e Simoni ( padre del noto Gigi , giocatore ed allenatore professionista ) . Di quel tempo rimangono memorabili le sfide con il S. Agata , S. Felice , Pieve di Cento e Persicetana ( una storica antagonista ) , vere e proprie " battaglie " sul terreno di gioco.

La squadra era denominata : SOCIETA' CALCIO CREVALCORE . Negli anni 1927-'28 fu ultimato il nuova stadio " Cesare Biavati " ( anch'esso ormai non esiste più) e venne inaugurato con un incontro tra il Crevalcore e le riserve del Bologna calcio.

Successivamente fu disputata una partita amichevole con esponenti tutti Crevalcoresi per propagandare il calcio

anche a livello femminile . ( senza successo però) Di seguito la lacandina




                                                                                                               

Negli anni '30 si iniziò una nuova attività calcistica , con  l'avvento dell' UNIONE CALCIO CREVALCORE , inserita , in collaborazione , nella nuova creatura che Delio Mattioli ( il Presidentissimo nella foto ) incominciò a dar vita : LA POLISPORTIVA CREVALCORESE  : colori sociali gli stessi del Comune di Crevalcore :BIANCOCELESTI ( senza alcun stemma).

                                                                   

Va ricordata una fugace apparizione alla FIGC ( la prima della storia) ne 1928 con l'iscrizione al campionato di terza divisione per poi rinunciarvi nella stagione successiva.

IL CREVALCORE IN BIANCONERO NEL 1925

 

Si riconoscono , da sinistra ,  Manlio Guerzoni - Silvio Albertini - Silvio Vecchi - Luigi Lodi - Dante Vincenzi - Pompeo Bergonzini - Enos Benedusi - Edmondo Candini - Mario Bastia - Guido Sitta - Gilio Correggiari - Sergio Biancani - Cesare Poppi.

Delio Mattioli verso la metà degli anni '30

Lo stemma del Crevalcore calcio compare , per la prima volta ,  nel 1927 ed ben visibile  nella foto  riguardante il giocatore VINCENZI detto TOPA e   anche nell'immagine sotto raffigurante  l' amico GIUSTO  TOMASI

 

 

Secondo i ricordi di alcuni ex giocatori , tuttora viventi ,  dal 1928 al 1935  ,  il Crevalcore , pur partecipando a campionati cosidetti amatoriali ,  non riusci' a vincere niente di importante e quindi a non entusiasmare  la gente del paese.  Solo dal 1935 la fama della nostra squadra si consolidò dopo aver ottenuto importanti vittorie.

Ecco  , qui sotto , un gruppo di giocatori che partecipò , nel 1937 , a numerosi tornei sotto le insegne Crevalcoresi.

Si riconoscono , da sinistra : Giusto Tomasi , Bonzagni(  vestito ) ( un veronese che presto lascierà il paese) , Gino breveglieri.

in basso : Stenio Candini e Aldino Ferranti.

 

PUOI SCEGLIERE :

  1. RITORNARE ALLA PAGINA PRINCIPALE

  2. ANDARE ALLA SECONDA PAGINA

  3. ANDARE ALLA TERZA PAGINA

  4. ANDARE ALLA QUARTA PAGINA